Simone

Istruttore capo per livelli base, intermedi, avanzati e professionisti

Francesco

Istruttore capo per livelli base e intermedi

Valentina

Istruttrice per livelli base, intermedi, avanzati e atleti, responsabile team surf femminile

Alessandro

Istruttore per livelli base, intermedi, avanzati e professionisti

Leonardo

Istruttore per livelli base, responsabile team intermedi e surf accompagnato itinerante, coach atleti

LA STORIA DELLA NOSTRA SCUOLA

La Barefoot Surf School è una scuola di surf nata dall’amicizia… Fra Simone e Francesco, dalla voglia di praticare il surf e condividere il proprio mondo di onde e di mare con tutti. La scuola è stata la prima, nel 2005, ad offrire lezioni di surf nel Lazio, con il metodo più valido al mondo ed efficace: International Surfing Coaching Program. Gli istruttori appartengono alla International Surfing Association (ISA) e sono stati formati direttamente da Peter Cook di Surfing Australia.

La Barefoot Surf School è l‘unica scuola ad avere 5 istruttori in 3 surf spot nella stessa mareggiata: mettiamo in campo 2 istruttori di livello avanzato (ISA L2) e 3 istruttori di livello base (ISA L1) con più di 10 anni di esperienza, brevetto di primo soccorso BLSD e salvamento a mare e organizza lezioni di surf anche in 3 posti nella stessa fascia oraria, per garantirvi sempre un insegnamento mirato per migliorare il vostro livello

Il surf, imparato con passione e il giusto metodo, ti fa riscoprire la capacità di sorridere senza pensieri, di viverti il presente e capire le tue vere capacità, molto più ampie di quanto crediamo nella vita di tutti i giorni, mostra a noi stessi chi siamo e offre la chiave per conoscere il mare in sicurezza, la possibilità di capirlo e di muoversi al ritmo del suo respiro.
Grazie al nostro impegno costante e alla crescita di allievi e di istruttori, in esperienza e numero, possiamo garantire un attività aperta tutto l’anno, un insegnamento efficace che permette ad ognuno di surfare fin dai primi tentativi e senza rischi.
La scuola è nata quasi per caso. L’occasione di praticare un corso professionale per l’insegnamento della disciplina del surf offerta dalla Surfing Australia e patrocinata dalla nascente Surfing Italia, si presentò 10 anni fa, in primavera. Simone, Francesco e altri amici, amici di onde, di surf sessions, di tramonti e feste, si sono ritrovati a condividere un’esperienza unica, mai verificatasi in Italia.
Il primo lavoro all’ISE (Italia Surf Expò), ci ha visto timidi ma pieni di voglia di insegnare. La cosa più bella è la felicità e la gratitudine che le persone ti manifestano alla fine delle lezioni: ti riempie i pensieri, ti fa sorridere, ti fa riscoprire la passione di apprendere il surf negli occhi di chi hai di fronte.
Sono passati nove anni, fra lezioni ed eventi; Barefoot Surf School ha sempre portato avanti la propria idea: dare la possibilità a tutti di imparare il surf, creare una community di surfisti che rispettano il mare, gli altri e se stessi.
A distanza di anni ci capita di rincontrare in acqua amici e allievi che hanno spiccato il volo grazie alla propria voglia di imparare. Vedere che attraverso il nostro metodo riescono a sorpassare ostacoli e a interagire con il mare sapendolo osservare e capire ci motiva e stimola a dedicarci sempre al meglio nel nostro insegnamento.

Simone Giorgi

Istruttore International Surfing, giudice di gara shortboard & longboard, assistente al salvamento, coach certificato atleti professionisti, operatore primo soccorso certificato BLSD

…Vedo le onde ad occhi chiusi, tra albe e tramonti, il profumo dell’acqua sul colore del sole, il bianco dei pensieri che diventa parte del tutto, come la schiuma che si scioglie nel mare …Vedo le onde in me stesso e in ogni cosa che faccio…

Ciao a tutti, sono Simone e pratico il surf dal ’98.
Cosa è per me il surf o cosa sarebbe la mia vita senza tutto ciò che di bello mi regala e che mi mostra, fra mari, oceani, tramonti, persone, sorrisi?
Praticare il surf mi permette di comprendere quanto è immenso il mare e quanto ognuno di noi è sconfinato nelle proprie emozioni, pensieri, nella capacità di vivere ogni istante della propria vita… Mi insegna che ogni attimo è come un onda che arriva da un punto imprecisato dell’orizzonte, un energia unica e solitaria in un mare di momenti, destinata a rimanere tale, senza nessuno a percorrerla, a renderla propria, speciale, a definirla in un istante che si ricorderà sempre, soglia e confine del nostro migliorarci.
Iniziai a praticare il surf tardi si potrebbe pensare… non lo è mai… a 19 anni… nel passaggio dall’essere ragazzo al divenire uomo… molti spigoli mi ritrovavo addosso, nel mio essere, giorno dopo giorno, in instancabile perfezionista, perso in un mondo di poligoni. Al Circeo, da Saporetti, il fratello (di 11 anni) della mia ragazza di allora, mi prestò la sua tavola, dandomi due consigli su come non darmela in testa e mostrandomi il mare e le onde… ringrazierò sempre Marco per il suo gesto… non per la sua tavola una 6’1”, piccolissima. Dopo essermi ribaltato per 1 ora con la sua tavola decisi di noleggiarmi la Malibu dello stabilimento… stetti in acqua altre tre ore e uscii con un sorriso spalmato ovunque e tanti tagli causati dalle pinne. Lo stesso inverno, fra un esame all’università e un altro, riuscivo fuggire a Torvaianica a fare pratica, senza la benchè minima cognizione di quello che facevo, ma imparando da solo, proprio per la mancanza di scuole, nutrito a secchi di video di surf ogni sera prima di andare a dormire… all’epoca, c’era il VHS, e mi ricordo, su consiglio di un amico, di essermi fatto 50 km attraverso Roma per noleggiarmi, alla videoteca di via Somalia, Endless Summer 2, mitico film di surf!!! Dopo session di surf in tutto il Lazio e migliaia di onde sono arrivati i primi viaggi… Biarritz con gli amici, il Portogallo, in cui vivevo 3 mesi d’estate lavorando, fuggendo dall’Italia una volta finiti gli esami, poi Spagna, Marocco, California, Costa Rica, Sud Africa, Indonesia, Sri Lanka… e che mi hanno permesso di conoscere sempre di più il mare, le onde, le persone e la cultura di ognuno… e che, proprio grazie a questo, oggi riesco ad guidare ognuno nel comprendere il surf, con la passione che mai mi ha abbandonato.
L’idea di onde infinite e uniche in giro per il mondo ha sempre acceso la mia voglia di vedere il mondo, per scoprire nuovi surf spot, per conoscere le persone che li vivono quotidianamente e l’ambiente socio-culturale che li circonda. Mi piace molto la musica… da ballare… da suonare… i generi che mi piacciono sono: rocksteady, raggae, dub, roots, blues, afro, ambient.
Nove anni fa un mio amico mi informò della possibilità di partecipare al corso per Istruttori di Surf I.S.A. (International Surfing Association) in collaborazione con Surfing Australia… Quella possibilità ora è una realtà che guida e insegna a tanti surfisti ogni anno… con un metodo unico sviluppato con i propri allievi di anno in anno… Adesso quell’amico è sempre più al mio fianco, “fratello Gemello” di surf, che si stia su un’onda o durante una lezione. Ogni anno che trascorro come istruttore di surf capisco quanto è importante per me insegnare ciò in cui credo, che mi anima ogni giorno e che mi rende migliore, il surf.
Il surf è preparazione atletica, concentrazione, fiducia in se stessi, saper vivere il presente con le proprie forse e riscoprirsi immenso, come il mare. Premette di vedere i propri limiti, nel pensiero prima di tutto, di rapportarsi con l’ambiente che ci circonda, avendo consapevolezza che senza armonia e passione in ogni istante presente ogni momento non sarà mai speciale… Questo è ciò che insegno, e ciò che imparo e maturo di anno in anno, con ogni allievo e ogni volta che qualcuno mi rende interprete del suo bisogno di migliorarsi.

Francesco Mangino

Istruttore International Surfing, giudice di gara shortboard & longboard, assistente al salvamento

…Longboard o Short, in muta o a-petto, l’importante è prendersi una pausa riflessiva durante la giornata per pensare alle vere essenze della vita; il surf per me è una buona scusa per farlo…

Mi chiamo Francesco, ma tutti gli amici sinceri mi chiamano Kekko.
Iniziai a chiedermi se in Italia fosse possibile la pratica del surf oramai 22 anni fa, durante una torrida e noiosa estate ad Ostia e in men che non si dica mi ritrovai su una tavola cortissima (6′ 00”) sugli schiumoni a fare la foca sotto gli occhi stupiti dei frequentatori del pontile: non se ne vedevano molti di surfisti a quel tempo. Da quel primo momento, dalle prime onde su cui goffo rincorrevo i miei primi metri di surf, incredulo di riuscirci, capii che non avrei mai abbandonato questo sport.
Oggi, grazie a tutte le esperienze che mi porto dentro in anni di surf, sempre più vive da quando scelsi di prendere brevetto per istruttori International Surfing (I.S.A.), vi dico che non c’è esperienza più vera, fra delusioni e successi, fra “insaccate o manovre ben riuscite” di quella che vivi attraverso il mare, grazie alle onde. Quando iniziai non esistevano scuole di surf… ovviamente ci misi molto più tempo ad imparare… ma proprio questo mi ha permesso di rimanere critico, obiettivo con me stesso e i progressi che facevo, session dopo session, viaggio dopo viaggio… vero, i viaggi… all’epoca, e anche in parte tutt’oggi, proprio per la mancanza di scuole, l’unico modo per imparare era viaggiare, inseguire le onde, stabilirsi per mesi in posti dove surfare, trovando lavori occasionali e vivendo di surf!!! Ricordo il mio primo video di surf, che tanto mi ispirò e mi rese assetato di onde: Black & White con Kelly Slater. Questo è ciò che mi ha portato ad insegnare, a trasmettere a tutti grazie al metodo ISA di insegnamento, tutta la “cultura di onde” maturata, tutti i progressi consapevoli negli anni, mi permettono oggi di dedicarmi all’insegnamento con la stessa passione di quando imparavo io.
Vivo il mare ogni giorno, ogni istante, ad un passo dalla spiaggia, fuggito dalla caotica ed eterna Roma. Ritrovo, tra un’onda e l’altra, sempre il sorriso spontaneo sul mio viso, che ti fa vedere le cose in modo più sereno e tranquillo.
Durante i mesi invernali e in assenza di onde, fuggo in montagna a cercare di “lippare” qualche parete ghiacciata con lo snowboard, o di surfare qualche onda di neve fresca… niente!! E’ un chiodo fisso!!
Ho vissuto circa un anno alle Canarie, in Spagna dove ho potuto maturare le mie capacità prendendo anche parecchi “schiaffi”…sigh… (da non sottovalutate mai il mare, specialmente all’estero!!!).
I miei numerosi viaggi in Francia, Spagna, Portogallo, Marocco e California sono sempre stati accompagnati da ritmi Reggae e Dub, Rock e Punk Rock… mi danno la carica giusta soprattutto nelle situazioni in cui una muta bagnata diventa un guanto ghiacciato che ti avvolge… in inverno… per l’ultima surfata della giornata, con gli amici di 22 anni di surf, al tramonto!
Fare l’istruttore mi piace parecchio: conoscere i miei allievi e capire singolarmente i loro bisogni e le loro difficoltà, cercando di differenziare gli esercizi per meglio insegnare, è ciò che più mi da soddisfazione e il cui risultato ricerco, alla fine di ogni lezione, in quel sorriso, quasi a dire “ben fatto”.
Un ringraziamento va a tutti i miei allievi, ai miei genitori, ma soprattutto a Simone, amico e fratello, perchè se non fosse per lui io ora non avrei mai realizzato il sogno che oggi si chiama BAREFOOT.

Valentina Marconi

Istruttrice International Surfing, assistente al salvamento, atleta professionista

…Dal ’97 ad oggi grazie al surf la mia vita è completamente cambiata: è cambiato l’approccio , il modo di vedere le giornate, il cielo , le persone; la mia sensibilità nel rispetto della natura e della mia persona…

Fare surf mi ha resa una persona più cosciente di quello che è la vita e di quella che è la forza enorme della natura. Amo il mare sin da bambina quando giocavo sotto casa con le mie sorelle a scivolare sulle onde con materassini, canottini o semplicemente con il corpo e non potrei mai immaginare una vita lontano dal suo colore, dal suo rumore e dal suo odore intenso. Nel frattempo la mia vita è cambiata e migliorata. Sono diventata dentista e mi sono costruita una famiglia. Ho tre meravigliosi bambini a cui vorrei tanto riuscire a trasmettere la passione per il mare e per il surf, ma devo dire di essere già sulla buona strada. Vorrei poter riuscire trasmettere le emozioni che ho vissuto io quando da autodidatta mi sono lanciata sulla prima onda come le emozioni che ancora oggi vivo ogni volta che surfo un’onda. La sensazione è quella di una gioia immensa che ti scoppia nel petto e senti fin nello stomaco, euforia mista a paura a volte che solo il surf riesce a farmi provare. Grazie al surf ho avuto la possibilità di fare viaggi e scoprire posti incontaminati con onde meravigliose e solitarie che mi hanno appagata di tutti “i sacrifici” fatti per arrivare a praticare questo sport! Ho avuto la possibilità di visitare Spagna, Portogallo, Francia, Canarie, California, Hawaii, Messico, Indonesia, Maldive, Australia in un modo unico che solo un surfista può vivere. E proprio in Australia durante il mio viaggio di nozze nel 2006 ho preso il brevetto di istruttore surf ISA.
Il Il surf è il connubio di uno stato mentale felice, gioioso e rilassato con l’adrenalina di uno sport estremo a contatto con la natura. Grazie a questo sport ho conosciuto tante persone che sono col tempo diventati la mia “famiglia del surf”, con cui condivido viaggi e un’amicizia vera!
Partecipo da più di 10 anni alle gare nazionali italiane e da quest’anno ho provato l’emozione di partecipare a qualche tappa del circuito europeo! Il surf è la mia vita e senza probabilmente non sarei la persona che sono nel bene e nel male. Keep surfing and keep smiling always!

Alessandro Martino

Istruttore International Surfing, assistente al salvamento, coach certificato atleti professionisti

Il surf è sicuramente una delle attività sportive più antiche del mondo che nasce semplicemente dalla voglia di divertirsi e gioire per ogni attimo passato tra le onde, ma che passo dopo passo porta ognuno a riscoprire se stesso

Ciao mi presento sono Alessandro ma più conosciuto come Poncho.
Ho iniziato fin da piccolo a praticare attività fisica, per superare problemi fisici che avevo… grazie a questa piccola sventura, che mi fece crescere soprattutto di testa, ho iniziato a praticare molti sport, soprattutto acquatici.
Adoro il mare… L’unico luogo dove la pesante forza di gravità perde i suoi appigli su di me… fin da bambino l’ho amato… giocavo ridente con l’amichevole sciabordio delle onde, trascinandomi sulla battigia senza ancora saper gattonare completamente. Vera e profonda luce che ti illumina da chissà quale tempo, il mare… non è forse da lì che sono giunte le prime forme di vita sulla terra?
Credo che l’espressione massima del mare sia nell’onda, carica di una energia primordiale e profonda.
Il mio battesimo nel surf non fu proprio il massimo: un amico mi disse ” è semplice nuoti, ti alzi e vai” in realtà non è proprio così. Da autodidatta ho rischiato molto e speso un sacco di tempo prima di scoprire la gioia e la soddisfazione interiore che solo surfare le onde ti da. Nel 2000 ho aperto un surf shop in Sardegna, a Carloforte ed una scuola di surf, nel 2010 ho acquisito il brevetto di istruttore di surf I.S.A.
Amo insegnare e capire le problematiche che ognuno di noi ha, superare insieme piccoli ostacoli con divertimento e soddisfazione, nella condivisione di uno sport che può solo cambiarti la vita in meglio.
Mi considero un waterman, amo il Surf, il Windsurf, il Sup, l’ apnea e la barca a vela. Lo snowboard ed il motocross sono altre mie passioni, soprattutto lo snowboard mi ha dato tanto a livello agonistico, di organizzazione di eventi e per aver fondato e gestito lo Snowpark che è ancora presente ad Ovindoli in Abruzzo. Il Surf comunque è l’attività che più ha segnato la mia vita, diventando parte integrante del mio io, della mia passione, nel contatto con la natura, nel condividere con altri surfisti le forti emozioni vissute, nei viaggi alla scoperta di nuovi surf spot e nuove culture, nel vivere in base al ritmo del mare, le maree, le mareggiate; dentro me, abbracciando il mare, trovo spesso il modo di meditare, di contemplare quanta profonda armonia lega tutto in natura e che ogni cosa sia al di qua dell’orizzonte abbia una comune essenza ed equilibrio da rispettare. La musica accompagna la mia esistenza, plasma i miei umori, schiarisce i miei pensieri… il mio compagno di suoni preferito è l’Ukulele.

Leonardo Di Fazio

Istruttore International Surfing, assistente al salvamento

L’Enfant prodige vero… un talento cresciuto nella passione che fin dall’età di 7 anni ha dimostrato per il SURF… il nostro orgoglio, amico, campione, futuro!

Leonardo Di Fazio ha cominciato a fare surf con la nostra scuola all’età di 7 anni, un bambino molto intelligente, educato, timido e con un’incontenibile passione per il surf. Negli anni, grazie all’esperienza con la Scuola di Surf Barefoot, all’amore della madre Carla, al supporto di amici e parenti ha potuto esprimere tutta la propria voglia di imparare.
Oggi è un istruttore Barefoot bravissimo, apprezzato da tutti gli allievi, è un atleta professionista che gareggia per il mondiale ISA… Ma è sempre lo stesso ragazzo timido, che sa ascoltare, che sa scegliere con la propria testa la via più giusta, che sa essere uomo, esempio di come non c’è limite a ciò che puoi raggiungere, se lo vuoi! Sky is the limit per te Leo… è un onore per noi della Barefoot starti accanto!

Giulia Mecozzi

Biologa Nutrizionista dal 2007 e dedicata al surf dal 2012, DietaGIFT, Infiammazione da Cibo, Nutrizione Applicata, Nutrizione e Integrazione nello Sport, Corso di base PNEI (psico neuro endocrino immunologia), Percorso di formazione in Counseling

Ho abbandonato ben presto il conteggio calorico e mi sono concentrata su un alimentazione di segnale, normocalorica e normo proteica che tiene conto degli stimoli provenienti dall’interno e dall‘esterno del corpo, per guidare il corpo verso il benessere e la massima espressione delle sue potenzialità. Il lavoro sull’ infiammazione da cibo, attraverso una mirata e programmata rotazione di alimenti per ridurre la pressione infiammatoria all’interno dell’organismo, permette al corpo di utilizzare al meglio le proprie risorse.
Attraverso l’utilizzo di combinazioni alimentari specifiche, mi servo del cibo come strumento terapeutico, di stimolo e sostegno del corpo.
Tutto questo per guidare il corpo verso lo stato di salute ed per permettere all’organismo di dare il meglio anche durante la prestazione sportiva.

Cosa mangiare prima e dopo la session: LA SURFISTA

Giorno prima della surf session
A colazione Ananas o mandarino, 2-3 fette di pane integrale, un uovo, marmellata senza zucchero e mandorle, tè verde senza zucchero. A metà mattina centrifuga o estratto. A pranzo, insalata, pasta integrale di kamut con condimento di carne Bieta o cicoria condita con olio e limone. A cena: ananas o altro frutto, secondo di carne (bianca biologica ) o pesce, contorno di verza cotta, patate lesse con olio e prezzemolo.

Il giorno della session di surf
A colazione, prima delle onde (un’ora , un’ora mezzo prima di entrare in acqua) due spicchi di mela 5-6 gallette di riso integrale o di grano saraceno oppure una o due fette di pane integrale tostato, marmellata senza zucchero, 2 noci o 10 mandorle, 3 scacchetti di cioccolato, tè verde senza zucchero. Prima di entrare in acqua bere costantemente a piccoli sorsi fino e durante la pause bere ancora: acqua di cocco oppure bevanda specifica fatta in casa ( un litro di acqua, due cucchiaini di zucchero, pizzico di sale, un limone, un pompelmo). A pranzo centrifuga, riso integrale con petto di pollo e verdure, contorno di cicoria o spinaci pane integrale oppure frullato con banana, arancio, latte di mandorla, mandorle, erba di orzo, panino integrale di segale con petto di pollo o salmone e insalata, un frutto. A Cena, insalata di finocchi, farro con verdure, secondo di pesce.

Cosa mangiare prima e dopo la session: IL SURFISTA

Giorno prima della surf session
a colazione: frutto, 3 fette di pane integrale o pane integrale di segale, 1-2 uova strapazzate o alla coque, marmellata senza zucchero un pugno di noci, caffè senza zucchero. Pranzo a casa, insalata prima condita con olio e limone, pasta integrale con condimento di carne (che deve avere lo stesso volume della pasta), bieta o cicoria condita con olio e limone. A cena, carote, riso integrale o riso nero con salmone e rucola, contorno di verza cotta.

Il giorno della session di surf
A colazione (un’ora , un’ora mezzo prima di entrare in acqua), due spicchi di mela, due-tre fette di pane integrale tostato, miele o marmellata senza zucchero, 4 noci o 15 mandorle, 3 scacchetti di cioccolato, caffè senza zucchero. Prima di entrare in acqua bere costantemente a piccoli sorsi e durante la pause bere ancora: acqua di cocco oppure bevanda specifica fatta in casa ( un litro di acqua, due cucchiaini di zucchero, pizzico di sale, un limone, un pompelmo). A pranzo, finocchio e centrifuga prima, pasta integrale con condimento di pesce, contorno di verdura cotta, pane integrale, macedonia con mandorle o noci, oppure frullato con banana, arancio, latte di mandorla, mandorle, erba di orzo, uno o due panini integrali di segale con insalata e salmone fresco o roast beef. A cena, insalata di finocchi con noci un secondo di carne o di pesce, per accompagnare riso integrale o orzo o farro con verdure

Dott. Vincenzo Iannizzi

Fisioterapista – Kinesiologo – Mental Coach – Terapista Shatzu – Posturologo – Specializzato in rieducazione posturale secondo Mezieres e in traumatologia e rieducazione del professionista dello sport – Staff Medico A.S. Roma Calcio

Vincere in ogni campo

La qualità dell’esperienza maturata sul campo e in anni di studio mi permette di curare le più disparate patologie ortopediche e neurologiche, seguire e guidare manager, agonisti e sportivi in ogni disciplina, adolescenti, famiglie e coppie, con programmi specifici finalizzati al miglioramento della propria condizione psico-fisica, attitudine di vita e raggiungimento dei propri obiettivi, con metodo scientifico e riconosciuto a livello internazionale.
Per info e contatti: 3318179720.

“Il ritmo del corpo, la melodia della mente e l’armonia dell’anima creano la sinfonia della vita”

Chiedilo agli istruttori...

8 + 8 =

Gli istruttori della Scuola di Surf Barefoot hanno alle spalle 12 anni di esperienza di insegnamento maturata in Italia e all’estero. La Barefoot Surf School è l’unica scuola in Italia ad avere 2 istruttori L2 e 2 istruttori L1 con più di 10 anni di esperienza. Il livello 2 pemette di insegnare il surf a ad atleti in classe pre-agonistica e agonistica, oltre che insegnarlo in maniera più efficace ad allievi principianti e intermedi. Ogni istruttore è in regola e possiede brevetto ufficiale ISA (International Surfing Association), di assistente al salvamento e primo soccorso (BLSD).

Barefoot Surf School

Facciamo lezione tutto l’anno, scegliendo di volta in volta il posto migliore per surfare, offrendo oltre alle tavole da surf, le mute adatte per ogni stagione. Per seguire gli appuntamenti, basta iscriversi alla mailing list, inviando una email a info@scuoladisurf.com